COMPLETATILAVORI RESTYLING SCUOLE BUFALOTTA SETTEBAGNI
Consegnata statuetta all'incapacità del Sindaco Marino
Chiusura Amministrative a Largo Beltramelli con Rampelli e Meloni
Manifestazione contro l'abolizione del salario accessorio
GHERA APERTO COLLEGAMENTO STRADALE VIA SOLARI
TIBURTINA A VIA CAVE PIETRALATA INAUGURATO NUOVO PARCHEGGIO DA 80 POSTI
GHERA INAUGURA PARCO DELLE SUGHERE
CAVALCAFERROVIA OSTIENSE PRONTO IL COBRA DACCIAIO TRA GARBATELLA E OSTIENSE
GHERA AL VIA LAVORI RETE IDRICA E FOGNARIA BUFALOTTA
Assemblea per la predisposizione di 10.000 nuovi punti luce

CAOS PIAZZA VENEZIA: “IL BUS DELL’ATAC SENZA CARBURANTE, I CITTTADINI ROMANI SENZA PIU’ PAZIENZA”

Oggi, nel tardo pomeriggio, si è creato un ingorgo all’altezza di Piazza S.Marco, vicino Piazza Venezia. Un autobus della linea Atac ha creato un imbottigliamento ed è dovuta intervenire anche la Polizia Locale di Roma Capitale. Da voci interne sembrerebbe che l’autobus si sia fermato perché mancava il carburante. Roma è ormai allo sbando e il trasporto pubblico è in panne, un altro fenomeno del disastro Marino e della sua Giunta. Come il bus dell’Atac ha finito il carburante, i romani stanno finendo la loro pazienza.

CAMPO ROM VIA SALVIATI: “MARINO TUTELI AGENTI”

Qualche giorno fa, con una circolare del Vice Comandante della Polizia Locale di Roma Capitale, è stato attivato un servizio di presidio di agenti di P.L. presso il campo nomadi di Via Salviati. A tal proposito apprendiamo come il personale stia operando in condizioni igienico sanitarie del tutto inadeguate tra rifiuti di ogni genere e ratti di ogni specie. Gli agenti di P.L. vengono altresì lasciati - anche in orario notturno - a presidio dell’ingresso del campo rom per controllare l’entrata e l’uscita di veicoli (al fine di verificare cosa viene trasportato sugli stessi) con una chiara disposizione, contenuta nella circolare, che prevede di “non trattenersi all’interno del veicolo di servizio”. Gli agenti non hanno ricevuto nessuna disposizione in merito ai rischi cui possono incorrere e la loro sicurezza non ci appare in alcun modo tutelata.

Leggi tutto

AMA: “AMA DISASTRO ED IL DOPPIOPESISMO DELLA SINISTRA“

Roma è invasa dai rifiuti, in ogni angolo della città cumuli di immondizia pervadono le strade, le piazze del centro trasbordano di rifiuti, ma a Marino sembra non interessare nulla. Anzi, invece di prendere decisioni urgenti ed immediate per risolvere l'emergenza che è sotto gli occhi di tutti, non vede, non sente e non parla.
NON VEDE che la città è sporca e ingombra di rifiuti e che la situazione è al limite della decenza;
NON SENTE le sacrosante rivendicazioni del personale di AMA in attesa di adottare un Contratto Nazionale di Lavoro più idoneo a perseguire efficienza e produttività;
NON PARLA e non spiega il perché dei due pesi e due misure della sinistra dove vengono licenziati alcuni dirigenti senza problemi giudiziari, vengono tolti incarichi ad altri che sono stati colpiti da avvisi di garanzia, mentre per il Direttore Generale di AMA, Filippi, nonostante sia stato rinviato a giudizio per reati ambientali, non viene preso alcun provvedimento.
Questo è il doppiopesismo della sinistra.

Taxi: “Tariffe taxi aeroporto Fiumicino: Marino e Montino separati (in casa) dalla tariffa taxi”.

Nel caos che ormai regna sovrano nella Capitale, abbiamo un’ulteriore anomalia  all’aeroporto di Fiumicino. I passeggeri che prendono un taxi per recarsi a Roma, possono trovarsi a pagare da 48 a 60 euro. Questo in base alla propria personale fortuna che gli fa capitare un taxi romano od uno di Fiumicino Comune. Infatti per lo stesso percorso, i taxi di Fiumicino chiedono 60 euro e quelli di Roma 48. Da tempo va avanti questa confusione che penalizza gli utenti senza che i due Sindaci, Marino e Montino unifichino le tariffe. E’ ora di porvi rimedio, anche alla luce del prossimo Giubileo. Sappiamo che Marino e Montino pur essendo della stessa compagine politica sono  dei “separati in casa”, ma la legge 422/97 prevede che qualora i due sindaci non si mettessero d’accordo, dovrebbe intervenire Zingaretti per uniformare le tariffe. Cosa aspetta a farlo sopra i due contendenti “separati in casa”?