I rifiuti bocciati dai Romani, e la gara va deserta RIFIUTI: “RACCOLTA IN TILT E GARA DESERTA, SINDACO BATTA UN COLPO”

“Giorni fa, come riportato dai dati dell’Agenzia per il controllo e la qualità dei servizi pubblici, i romani hanno sonoramente bocciato la pulizia delle strade evidenziando che il servizio erogato dall’amministrazione grillina è al di sotto degli standard. Oggi, invece, scopriamo che è andata deserta la gara, il cui appalto è scaduto a fine marzo, per trasferire fuori città 80mila tonnellate di scarti l’anno trattati negli impianti di Tmb Salario e Rocca Cencia. Tradotto significa che in assenza di soluzioni, la Capitale tra giugno e luglio prissimi sarà in completa emergenza. Situazione, comunque, non molto diversa da quanto accade da mesi e soprattutto in questi giorni, dove a seguito delle piogge la raccolta rifiuti è andata in crisi: in tutti i quadranti della città immondizia non raccolta e accumulata sui marciapiedi, e in alcune zone di Roma i cittadini si stanno organizzando in class action come nel caso di Settebagni. La situazione è decisamente precipitata, bandi di gara deserti e raccolta in tilt…il sindaco Raggi batta un colpo”.

È quanto dichiarano in una nota congiunta gli esponenti di Fdi Fabrizio Ghera capogruppo in Campidoglio e Andrea De Priamo consigliere comunale.