Migranti a Roma il Sindaco predica bene ma razzola male MIGRANTI: “SU IMMIGRATI RAGGI COME TELA PENELOPE, TESSE DI GIORNO E DISFA DI NOTTE”


Sulla presenza dei migranti a Roma il sindaco predica bene ma razzola male. Negli incontri istituzionali, come accaduto ieri con il Prefetto, si lamenta dell’ingente numero di rifugiati e transitanti nella Capitale rispetto agli altri Comuni, ma poi di fronte alla concretezza di chiudere i centri d’accoglienza in città si volta dall’altra parte. L’ultimo caso riguarda la vicenda della struttura in via del Frantoio a Tiburtino III. Tempo fa come Fratelli d’Italia abbiamo presentato una mozione e la scorsa settimana l’Aula ha discusso un ordine del giorno a nostra firma per ribadire la chiusura del centro ma sia i 5 Stelle che il Pd hanno pensato bene di bocciarlo. La presenza di migranti in di via Frantoio rimane, di fatto, un problema di sicurezza sociale, e anche in altri quartieri della periferia romana ci sono situazioni simili. Per i grillini il tema immigrazione sembra la tela di Penelope, si tesse di giorno e si disfa di notte. La Raggi dica chiaramente cosa intende fare, le lamentele servono a poco. Alle parole faccia seguire i fatti e chiuda i centri d’accoglienza a rischio.